© 2020 Associazione promozione sociale -non profit
CF: 90045840361

Associazione Olistica

per 

malati oncologici

​e familiari Aps

org. non-profit

image-639

facebook
oi

La nostra nascita

per voi! 

Il progetto AOMOF (Associazione Olistica per Malati Oncologici e Familiari aps) è nato il 22 gennaio di quest’anno con l’obiettivo di offrire trattamenti olistici gratuiti ai familiari dei malati oncologici.

L’idea alla base del progetto era infatti quella importare la visione olistica per colmare un vuoto
nei servizi offerti ai malati oncologici e ai loro familiari, sottoposti a forti stress psico-fisici dovuti
alla malattia e alle cure necessarie. Il primo approccio studiato per approcciarsi a questa realtà
sono stati gli “Holistic Days”, ovvero giornate dedicate in cui i soci volontari (operatori olistici
certificati) offrono il loro lavoro gratuitamente ai familiari. Questi ultimi potranno richiedere ogni
tipo di trattamento offerto dallo studio di riferimento dell’operatore olistico volontario, previo
consulto per escludere eventuali controindicazioni, e godersi così un po’ di rilassamento e
rigenerazione.

L’idea del volontariato olistico nasce dalla mia esperienza personale. Mi chiamo Viktoria Kiss e nel
2017 a mia madre è stato diagnosticato un tumore al cervello (glioblastoma 4 grado non
operabile). Lo shock iniziale è stato grande, anche per la prospettiva di vita di circa quattro mesi
presentata dai medici a mia madre. Da subito mi sono chiesta cosa avrei potuto fare per lei, per
alleviare le sue sofferenze e rendere migliore il tempo che le rimaneva, se non addirittura fare un
miracolo. Sono operatrice olistica ed insegnate di discipline bionaturali e pensavo di poter
davvero fare qualcosa di importante per lei, ma lo stress era sempre più forte di fronte al pensiero
costante di perdere mia madre. Così cercavo di darmi prima un po’ di sollievo a me stessa, perché
sapevo che stando male, in preda alla depressione, avrei potuto fare ben poco per mia madre . Mi
hanno consigliato lo psicologo e prescritto lo Xanax quando confessavo di non farcela da sola. In
quel momento utilizzavo le mie competenze e conoscenze solo per cercare di migliorare la
condizione di mia madre, senza pensare troppo alla mia. Ma a un certo punto mi sono resa conto
che proprio il mio lavoro avrebbe potuto darmi le energie necessarie ad affrontare la situazione ed
alleviare lo stress creatasi a causa della malattia di mia madre. Così ho iniziato a trattare lei, ma
anche me stessa. Mia madre ha sempre dimostrato di apprezzare i trattamenti ricevuti, dopo i
quali si sentiva meglio e che non vedeva l’ora di replicare , anche perché così sopportava meglio la
chemioterapia. Per fortuna siamo riusciti a prolungare il periodo preventivato di quattro mesi fino
a un anno e mezzo. Ora lei purtroppo non c'è più. Non sono riuscita far scomparire la malattia, ma
so di averle dato sollievo mentre la affrontava e so che se non fosse stato per il mio lavoro sarei
impazzita. Per questo motivo ho deciso di fondare AOMOF, insieme ad altri persone che hanno
creduto nel progetto di creare un ambiente che possa aiutare le famiglie che vivono la situazione
di forte stress psico-fisico che accompagna sempre queste malattie. Siamo in continua ricerca di
volontari che vogliano partecipare agli “Holistic Days” e dedicare una giornata al mese per dare
aiuto alle famiglie che si trovano a vivere questi brutti momenti.


Gli associati intendono intervenire con il loro operato attraverso dei trattamenti olistici (massaggi,
shiatsu, riflessologia, meditazione, musicoterapia, naturopatia, trattamenti energetici,
riequilibranti ecc.) in base alla legge 4 /2013 senza mai sostituirsi con il medico curante, offrendo
in primis servizi gratuiti ai familiari che assistono direttamente un malato. L'approccio olistico è
una soluzione per ridurre stress e ansia, migliorando la condizione psicofisica attraverso
trattamenti riequilibranti e rilassanti, personalizzati al bisogno per poter continuare il sostegno del
malato dal congiunto. I volontari offrono il loro servizio gratuitamente presso i propri spazi ai
familiari dei malati. Il direttivo dell'associazione comunicherà mensilmente le date in cui tutti gli
associati operativi potranno offrire la loro prestazione in modo da operare contemporaneamente
sul territorio nazionale. Le date saranno pubblicate sia sui profili social dell'associazione che sul
sito internet. Ogni operatore offrirà il suo servizio volontariamente dopo un consulto conoscitivo
con il familiare che, a sua volta, dovrà identificarsi per evitare utilizzi impropri del servizio gratuito.

L'operatore associato può cambiare le date comunicate dal direttivo, dandone comunicazione
sulla pagina Facebook dell'associazione. A tutti gli associati aderenti all'iniziativa sarà rilasciato un
attestato dall'associazione per poter comunicare e certificare con i propri clienti la partecipazione
a questa bellissima e gratificante iniziativa.
AOMOF darà anche a una serie di formazioni dedicate agli associati per sviluppare collaborazioni
con le strutture sanitarie e, in generale, a coloro che vorranno avvicinarsi al mondo olistico. Gli
obiettivi primari rimangono sempre la prevenzione e la lotta contro il cancro, anche tramite
raccolte di fondi che saranno poi devoluti agli enti che si occupano di ricerca medica e sostegno ai
famigliari in situazioni difficili.
Chi vorrà prestare il proprio servizio come operatore olistico volontario dovrà iscriversi
all’associazione, mentre non sarà tenuto a farlo chi vorrà usufruire dei servizi in quanto famigliare
di un malato oncologico. Per tutti, le informazioni necessarie sono disponibili sul nostro sito
www.aomof.com, dove troveranno le modalità di iscrizione e le giornate in cui verranno
offerti i trattamenti gratuiti.
Infine, vorrei sottolineare che l’importanza di questo progetto riguarda principalmente gli obiettivi
dell’associazione che ho descritto, ma anche la speranza di un maggior riconoscimento delle
potenzialità di tutto il mondo olistico.
Come creare un sito web con Flazio